logo ricerca
homeautoricatalogocontattieventirightsstampauniversitàboardacquisti
moncler outlet moncler outlet moncler outlet moncler outlet moncler outlet Ralph Lauren Pas Cher Ralph Lauren Pas Cher piumini moncler piumini moncler piumini moncler piumini moncler piumini moncler


Azioni

Dipesh Chakrabarty
Provincializzare l'Europa

Il pensiero europeo è allo stesso tempo indispensabile e inadeguato per riflettere sulle esperienze di modernità politica nelle nazioni non occidentali. Indispensabile perché le idee universali proposte dall’Illuminismo europeo rimangono la fondamentale base di ogni critica sociale che cerchi di affrontare i problemi della giustizia e dell’equità. Inadeguato perché la transizione capitalista nel Terzo mondo, se misurata con gli standard occidentali e con la nostra idea di storicizzazione, appare spesso incompleta o inefficace. Già dalla metà del xx secolo la cosiddetta “epoca europea” della storia moderna ha cominciato a lasciare spazio ad altre configurazioni regionali e globali. Provincializzare l’Europa non significa però ripudiare o abbandonare il pensiero europeo, ma riflettere su come globalizzarlo rinnovandolo per e dai suoi margini. Ogni caso di transizione al capitalismo non è più semplicemente interpretabile come un fenomeno sociologico di transizione storica, ma anche come un caso di traduzione: una traduzione di mondi esistenti e delle loro categorie di pensiero nelle categorie e nella cultura della modernità capitalista. Chakrabarty dimostra, sia in modo teorico che attraverso esempi dell’India coloniale e contemporanea, come tali storie di traduzione potrebbero essere pensate o scritte. Imbastendo una sorta di conversazione tra due dei più importanti rappresentanti del pensiero europeo, Marx e Heidegger – l’uno esempio della tradizione analitica delle scienze sociali, l’altro di quella ermeneutica –, l’autore cerca di comprendere la modernità politica dell’Asia meridionale, prendendo in esame nella prima parte studi storici ed etnografici su gruppi “subalterni” e concentrandosi nella seconda sulla storia dei bengalesi indù delle caste superiori colte. Provincializzare l’Europa comincia e finisce indicando la necessità del pensiero politico europeo per la descrizione della modernità politica non europea e, al tempo stesso, affronta i problemi di rappresentazione che tale necessità produce.

 
Dipesh Chakrabarty è professore di South Asian Studies and History all’Università di Chicago, dove è anche membro del Committee for History of Culture. Ha scritto Rethinking Working-Class History: Bengal 1890-1940 (1989), Habitations of Modernity (2002) e ha curato, con Shahid Amin, Subaltern Studies Vol. 9 (1997).
 
Autori
Dipesh Chakrabarty
Collana: Biblioteca 
ISBN: 978-88-8353-308-2
Anno: 2004
Pagine: 368
Prezzo € : 27,00
   
   
rassegna stampa
22/10/2006 - Il Manifesto - Brett Neilson
I “Quaderni” dal postcoloniale
01/04/2005 - L’indice - SHAUL BASSI
Esportare il modello occidentale
02/07/2004 - il manifesto - FEDERICO RAHOLA
Oltre le catene del risentimento anticoloniale
01/07/2004 - Rolling stones - C.A.
Dipesh Chakrabarty, Provincializzare l'Europa
09/06/2004 - Avvenire - EDOARDO CASTAGNA
L’Europa nasce da fuori
14/05/2004 - Liberazione - TONINO BUCCI
India, subalterni senza storia
06/05/2004 - "MUSICA!" de "La Repubblica" - REDAZIONE
L’Europa nel mondo è solo una provincia
 
board
06/05/2010 - "Italian Cultural Studies". Organizza Patrizia Calefato

Patrizia Calefato organizza, insieme a Graziella Parati, il convegno Italian Cultural Studies, che si terrà dal 6 all'8 ma...