logo ricerca
homeautoricatalogocontattieventirightsstampauniversitàboardacquisti
moncler outlet moncler outlet moncler outlet moncler outlet moncler outlet Ralph Lauren Pas Cher Ralph Lauren Pas Cher piumini moncler piumini moncler piumini moncler piumini moncler piumini moncler


Azioni

Slavoj Zizek
L'epidemia dell'immaginario

Come ci si può, oggi, sottrarre al profluvio di immagini, notizie, informazioni mediali, o persino realtà simulate? Dove si trova l’autenticità a cui ancorare definitivamente una ritrovata fede in noi stessi e nella realtà che ci circonda? Un tempo, dice Slavoj Zizek, le cose erano più semplici: si potevano criticare le forme ideologiche come “feticismo”, “illusioni”, “mistificazioni” proprio facendo appello al senso di realtà. Oggi, invece, occorre procedere al contrario: da quando la “realtà” che ci circonda ha assunto le fattezze postmoderne dell’informatizzazione digitale, e si è “virtualizzata”, occorre ritornare a criticarla partendo dal suo supplemento illusorio: dal lato dell’Immaginario. Uno dei compiti principali della filosofia oggi sarebbe dunque quello di criticare lo statuto dell’immaginario e il suo rapporto con la realtà. Se non che, con la sua ormai celebre capacità di rovesciamento dialettico, Slavoj Zizek ci indica ancora una volta con questo suo testo che le cose non stanno esattamente così. Infatti, la distinzione stessa tra realtà e fantasia, tra reale e immaginario, è una falsa distinzione – ed è irreale e immaginaria essa stessa. Intessendo con la consueta maestria il suo discorso di riferimenti filosofici “alti” – da San Tommaso a Kant e Hegel – e di argomenti ed esempi tratti dalla cultura di massa, persino quella meno “commestibile” (dalla pornografia cinematografica, al noir, alle chat-line), Zizek costruisce un’argomentazione serrata che prende in esame la struttura intersoggettiva della “fantasia”, gli immaginari politico-ideologici, l’enigma del feticismo contemporaneo, la libertà illusoria generata dal cyberspazio e, infine, il decisivo problema del Male. Nella sua forma apparentemente eterodossa, nell’eterogeneità dei suoi riferimenti, nel movimento “estremo” a cui sottopone i nostri abituali schemi di pensiero, questo di Zizek si rivela un testo fondamentale, un vero “classico” per imparare a ripensare i nostri dilemmi, tanto filosofici che quotidiani.

 
Slavoj Zizek, uno dei più discussi filosofi del nostro tempo, insegna all’Istituto di Sociologia dell’Università di Lubiana, e in numerose università e istituti in tutto il mondo. Tra le sue opere tradotte in italiano: Il Grande Altro (1999), Il godimento come fattore politico (2002), Il soggetto scabroso (2003), Tredici volte Lenin (2003). Presso Meltemi è apparso Benvenuti nel deserto del reale (2002).
 
Autori
Slavoj Zizek
Collana: Biblioteca 
ISBN: 978-88-8353-346-4
Anno: 2004
Pagine: 328
Prezzo € : 25,00
   
   
rassegna stampa
31/03/2010 - Il Secolo XIX - Simone Regazzoni
La filosofia diventa pop
23/06/2005 - Il Manifesto - Sandro Chignola
Spiazzati dalla pratica oscena dell'utopia
01/06/2005 - Exibart on paper - Redazione
L’epidemia dell’immaginario di Slavoj Zizek
 
board
06/05/2010 - "Italian Cultural Studies". Organizza Patrizia Calefato

Patrizia Calefato organizza, insieme a Graziella Parati, il convegno Italian Cultural Studies, che si terrà dal 6 all'8 ma...