Spedizioni gratuite in Italia con Paypal.

Sconto del 15% su tutto il catalogo.

Novità ogni settimana.

Antropologia del dolore
  • biblioteca-meltemi-nuove-cover.indd

Antropologia del dolore

20,00 17,00

Il dolore è un’esperienza forzata e violenta dei limiti della condizione umana. È una figura aliena e divorante che non lascia requie con la sua incessante tortura. Paralizza l’attività del pensiero e l’esercizio della vita. Pesa sul gioco del desiderio, sul legame sociale. Altera il senso della durata e colonizza i fatti più importanti della giornata, trasformando la persona in uno spettatore distaccato che fa fatica a interessarsi all’essenziale.

 

Acquista ebook in versione kindle
Acquista ebook in versione epub

COD: 9788883536113 Categoria:
000

Il dolore è un’esperienza forzata e violenta dei limiti della condizione umana. È una figura aliena e divorante che non lascia requie con la sua incessante tortura. Paralizza l’attività del pensiero e l’esercizio della vita. Pesa sul gioco del desiderio, sul legame sociale. Altera il senso della durata e colonizza i fatti più importanti della giornata, trasformando la persona in uno spettatore distaccato che fa fatica a interessarsi all’essenziale. Il dolore isola, costringe l’individuo a una relazione privilegiata con la propria pena. Al tempo stesso, è una minaccia temibile per il senso d’identità: lacera la coscienza e schiaccia l’uomo su un senso dell’immediato privo di prospettiva, dandogli l’impressione che il suo corpo sia altro da sé. Incomunicabile, il dolore suscita il grido, il lamento, il pianto o il silenzio, tutti fallimenti della parola e del pensiero. Ma il dolore può anche essere mezzo di espiazione o manifestazione di fede – come nella tradizione religiosa cristiana – o strumento di affermazione identitaria o sociale, ad esempio quando inscrive nella carne la memoria di una filiazione e di una fedeltà alla comunità, come accade agli iniziati di una società tradizionale. Ci sono poi usi del dolore che si alimentano della disparità delle forze tra gli individui: la correzione, la punizione personale, la tortura, il supplizio. L’arte di far soffrire l’altro per umiliarlo o annichilirlo è inesauribile. Il dolore inflitto ne è lo strumento privilegiato, archetipo stesso del potere sull’altro. Sebbene in queste pagine la pratica medica sia spesso chiamata in causa, lo sguardo dell’autore è diretto piuttosto sull’uomo sofferente. Il proposito di Le Breton è di approcciare il dolore su un piano antropologico, di chiedersi come influisca sulla condotta dell’uomo e sui suoi valori, sulla trama sociale e culturale in cui è immerso. Tutto ciò, però, senza dimenticare che se l’uomo è una conseguenza delle sue condizioni sociali e culturali, è anche il creatore instancabile dei significati con cui vive.

David Le Breton insegna Sociologia e Antropologia alla Facoltà di Scienze sociali dell’Università di Strasburgo ed è uno dei massimi esperti europei di antropologia del corpo. Dei suoi moltissimi libri sono stati tradotti in italiano: Passione del rischio (1995), Il mondo a piedi (2001), La pelle e la traccia (2005), Il sapore del mondo. Un’antropologia dei sensi (2007).

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788883536113

N° pagine

240

Anno di pubblicazione

2016