Pausa estiva. Gli acquisti effettuati dal 5 agosto saranno spediti da lunedì 26 agosto.

Spedizioni gratuite in Italia con Paypal.

Sconto del 15% su tutto il catalogo.

Novità ogni settimana.

Deutschland, Deutschland über alles
Vedi il carrello “Starbucks a Milano e l’effetto Don Chisciotte” è stato aggiunto al tuo carrello.
  • biblioteca-meltemi-heartfield-deutschland

Deutschland, Deutschland über alles

20,00 17,00

Uscita nel 1929, Deutschland, Deutschland über alles è probabilmente l’opera satirica più provocatoria di Kurt Tucholsky. In questo testamento politico accompagnato dalle fotografie dell’artista dada John Heartfield, Tucholsky punta il dito contro la Repubblica di Weimar, denunciando senza mezzi termini la corruzione della giustizia e della società. Le parole dell’autore berlinese scatenarono polemiche talmente accese da indurre lo scrittore a fuggire definitivamente in Svezia. Un corrosivo affresco dell’epoca che ancora oggi continua a graffiare le coscienze.

COD: 9788883538049 Categoria:
000

Uscita nel 1929, Deutschland, Deutschland über alles è probabilmente l’opera satirica più provocatoria di Kurt Tucholsky. In questo testamento politico accompagnato dalle fotografie dell’artista dada John Heartfield, Tucholsky punta il dito contro la Repubblica di Weimar, denunciando senza mezzi termini la corruzione della giustizia e della società. Le parole dell’autore berlinese scatenarono polemiche talmente accese da indurre lo scrittore a fuggire definitivamente in Svezia. Un corrosivo affresco dell’epoca che ancora oggi continua a graffiare le coscienze.

Kurt Tucholsky (1890-1935), scrittore, poeta, giornalista, è stato una delle voci più critiche e libertarie della Germania tra le due guerre. Collaboratore delle maggiori riviste tedesche del tempo, nei suoi articoli – celebri per la forza corrosiva e sarcastica – ha portato alla luce le contraddizioni e le ipocrisie della Repubblica di Weimar. Per le sue posizioni politiche fu privato della cittadinanza tedesca; costretto a migrare in Svezia vi morì suicida. Tra le sue opere più importanti: Rheinsberg (1912), Der Zeitsparer (1914), Fromme Gesänge (1919), Lerne lachen ohne zu weinen (1931), Schloss Gripsholm (1931).

John Heartfield (1891-1968) è stato uno dei più importanti esponenti del movimento Dada e maestro nell’arte del fotomontaggio: famosissime le sue copertine per la rivista comunista «Arbeiter-Illustrierte- Zeitung» con cui criticava duramente i crimini nazisti. Fondatore della casa editrice Malik e del giornale antimilitarista «Neue Jugend» fu privato della cittadinanza tedesca e costretto a migrare dopo la presa del potere da parte di Hitler. Dopo la fi ne della guerra divenne cittadino della Repubblica democratica tedesca.

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788883538049

Anno di pubblicazione

2018

N° pagine

266

Introduzione di

Maurizio Guerri

Saggio di

Ursula Bavaj

Giovanni Graziano Manca – Leggere Tutti, agosto 2019
“Un libro contro il Reich”
Leggi la recensione

Artribune, aprile 2019
“Deutschland Deutschland”
Leggi la recensione

Giorgio Fabre – Alias, 17 febbraio 2019
“Tagliare il formaggio senza nascondere i vermi”
Leggi la recensione

Ranieri Polese – La Lettura, 10 febbraio 2019
“Miseria e lussuria”
Leggi la recensione

Vittorio Giacopini – il Venerdì, 25 gennaio 2019
“Tucholsky, lo specchio grottesco di Weimar”
Leggi la recensione

Davide Ferrario – doppiozero.it, 26 novembre 2018
“Kurt Tucholsky. Deutschland Deutschland”
Leggi la recensione

Giuseppe Carrara – cultweek.com, 26 novembre 2018
“Il conflitto e i vermi: serve arte per svelare la guerra”
Leggi la recensione

Michele Smargiassi – repubblica.it, 16 novembre 2018
“La lama della fotografia tra il formaggio e i vermi”
Leggi la recensione

Gioacchino Toni – ilpickwick.it, 12 novembre 2018
“Tucholsky, Heartfield e la potenza del montaggio”
Leggi la recensione