Festività natalizie: gli acquisti online effettuati dal 19 dicembre saranno spediti dal 7 gennaio 2019

Spedizioni gratuite in Italia con Paypal.

Sconto del 15% su tutto il catalogo.

Novità ogni settimana.

Forme dell’impronta
  • biblioteca-meltemi-floch-forme-impronta

Forme dell’impronta

Brandt, Cartier-Bresson, Doisneau, Stieglitz, Strand

12,00 10,20

La fotografia è sempre stata un oggetto teorico dispettoso: paradossale e sfuggente. Da un lato il suo rapporto con la cosiddetta realtà, dall’altro il suo controverso statuto estetico, e su tutto il suo enorme valore sociale. Una sola cosa si può dire con assoluta certezza: produce senso. Un punto di partenza per questo libro, che ha come obiettivo descrivere i meccanismi che lo rendono possibile, indagando la relazione che si istituisce fra visibile e intelligibile.

COD: 9788883537806 Categoria:
000

La fotografia è sempre stata un oggetto teorico dispettoso: paradossale e sfuggente. Da un lato il suo rapporto con la cosiddetta realtà, dall’altro il suo controverso statuto estetico, e su tutto il suo enorme valore sociale. Una sola cosa si può dire con assoluta certezza: produce senso. Un punto di partenza per questo libro, che ha come obiettivo descrivere i meccanismi che lo rendono possibile, indagando la relazione che si istituisce fra visibile e intelligibile. È un’altra semiotica della fotografia quella che qui Floch teorizza e mette in pratica, che non va a caccia di essenze ma di dispositivi, lasciando che emergano dalle immagini. Cinque capolavori la cui analisi diventa non una caccia ai significati, ma una teoria del fotografico: Fox-terrier sul Pont des Arts (1953) di Robert Doisneau, L’arena di Valencia (1933) di Henri Cartier-Bresson, Il ponte di terza classe (1907) di Alfred Stieglitz, La cancellata bianca (1916) di Paul Strand, Nudo (1952) di Bill Brandt. In appendice, un saggio inedito in italiano che, discutendo a proposito di un museo della fotografia, solleva una questione attualissima: l’esposizione, e dunque la visione, delle fotografie.

Jean-Marie Floch (1947-2001) è stato uno dei fondatori della semiotica visiva contemporanea. Ha lavorato come consulente in ambito pubblicitario e di brand management, mettendo a punto un approccio analitico originale ed efficace. È stato membro del Groupe de Recherches Sémio-Linguistiques (EHESS-CNRS). Tra i suoi lavori: Petites mythologies de l’oeil et de l’esprit (1985), Une lecture de Tintin au Tibet (1997) e, tradotti in italiano, Semiotica, marketing, comunicazione (1992), Identità visive (1997), Bricolage (2013).

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788883537806

Anno di pubblicazione

2018

N° pagine

126

A cura di

Dario Mangano

Elisabetta Marangon – alfabeta2, 30 settembre 2018
“La visione come costruzione”
Leggi la recensione

Neil Novello – Rivista di studi italiani, agosto 2018
“Leggere una fotografia”
Leggi la recensione

Fabio Cifariello Ciardi – Radio3 Suite (Radio Tre), 4 agosto 2018
“Panorama: Rimini, Palazzo delle Esposizioni a Roma”
Ascolta la puntata

Giacomo Giossi – strisciarossa.it, 3 aprile 2018
“Un libro per imparare a leggere la struttura della fotografia”
Leggi la recensione