Corriere gratuito per ordini superiori a 25€

Sconto del 5% su tutto il catalogo

Novità ogni settimana

Ibridi ferraresi
Nuovo
  • biblioteca-antrop-scandurra-ibridi-ferraresi

Ibridi ferraresi

L’antropologia in una città senza antropologi

24,00 22,80

Che cos’è il territorio ferrarese? Come lo immaginiamo se chiudiamo gli occhi? Oggetto di questa ricerca è la formazione di una rete di intellettuali a Ferrara tra l’inizio degli anni Cinquanta e la fine degli anni Ottanta, che hanno prodotto fuori e dentro le mura cittadine una serie di opere visive (se pensiamo alla pittura, alla fotografia, al cinema, alla videoarte) e di scritti (reportage, inchieste sociali, saggi, poesie, racconti, romanzi): tutte opere innovative e di valore antropologico.

COD: 9788855192439 Categoria:
000

Che cos’è il territorio ferrarese? Come lo immaginiamo se chiudiamo gli occhi? Oggetto di questa ricerca è la formazione di una rete di intellettuali a Ferrara tra l’inizio degli anni Cinquanta e la fine degli anni Ottanta, che hanno prodotto fuori e dentro le mura cittadine una serie di opere visive (se pensiamo alla pittura, alla fotografia, al cinema, alla videoarte) e di scritti (reportage, inchieste sociali, saggi, poesie, racconti, romanzi): tutte opere innovative e di valore antropologico. Alla base dello sguardo di questa generazione di intellettuali vi era un punto di vista fortemente transdisciplinare in cui le separazioni tra discipline – a cominciare da quella tra studi scientifici e umanistici – erano meno evidenti, vista anche l’assenza di facoltà umanistiche e l’istituzione della prima cattedra di Antropologia a Ferrara solo in anni recenti. Le domande al centro di questo volume sono: come si è formata questa rete? Quanto ha contribuito a fare del capoluogo estense, e della sua provincia, una grande città dell’arte e della cultura?

Giuseppe Scandurra insegna Antropologia culturale presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara. Ha pubblicato numerosi saggi e libri di antropologia urbana. Fa parte del comitato scientifico dell’”Istituto Gramsci Emilia-Romagna” ed è membro fondatore del gruppo di ricerca ”Tracce Urbane”. Dirige, con Alfredo Alietti, il Laboratorio di Studi Urbani e, con Carlo Cellamare, la rivista ”Tracce Urbane. Italian Journal of Urban Studies”.

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788855192439

Anno di pubblicazione

2020

N° pagine

356