Per pausa estiva del magazzino editoriale, gli acquisti effettuati dopo il 2 agosto verranno spediti da lunedì 28 agosto
Spedizioni gratuite in Italia con Paypal.
Sconto del 15% su tutto il catalogo.
Novità ogni settimana.
La lingua che ospita
  • linee-meltemi-zaccaria-lingua-ospita

La lingua che ospita

Poetiche Politiche Traduzioni

20,00 17,00

La lingua che ospita, in questa nuova edizione, pluralizza le coordinate-guida della riflessione indicate nel sottotitolo (Poetiche, politiche, traduzioni), ponendosi come strumento di interrogazione della mobilità transfrontaliera. Deterritorializzazione, contaminazione, creolità, de-colonizzazione, traduzione, trasformazione sono i territori costitutivi di questa narrativa, nella consapevolezza che i punti nodali toccati nella prima edizione – la diaspora, il border crossing, le transculturazioni, le lingue perdute e le lingue nuove/impure, la subalternità e la resistenza, la creatività, l’attivismo socio-culturale e la border art transatlantica – sono ancora essenziali per l’esplorazione delle pratiche neo-coloniali che inducono l’attuale mobilità lungo rotte mediterranee.

COD: 9788883537257 Categoria:
000

La lingua che ospita, in questa nuova edizione, pluralizza le coordinate-guida della riflessione indicate nel sottotitolo (Poetiche, politiche, traduzioni), ponendosi come strumento di interrogazione della mobilità transfrontaliera. Deterritorializzazione, contaminazione, creolità, de-colonizzazione, traduzione, trasformazione sono i territori costitutivi di questa narrativa, nella consapevolezza che i punti nodali toccati nella prima edizione – la diaspora, il border crossing, le transculturazioni, le lingue perdute e le lingue nuove/impure, la subalternità e la resistenza, la creatività, l’attivismo socio-culturale e la border art transatlantica – sono ancora essenziali per l’esplorazione delle pratiche neo-coloniali che inducono l’attuale mobilità lungo rotte mediterranee. La proposta teorico-critico-performativa di questa indagine è la smobilitazione delle demarcazioni dei confini geo-politici ed artistici con pratiche di border critical thinking. Il concetto occidentale di mappa è smontato per delineare le geo-corpo-grafie della creatività artistica e della mobilità senza frontiere che decolonizzano la normatività critica, gli steccati disciplinari e la geopolitica del respingimento lungo le frontiere di qualsivoglia mappa-mondo.

Paola Zaccaria ricercatrice attivista e attraversatrice di movimenti, docente di Culture letterarie e visuali anglo-americane presso l’Università di Bari, ideatrice e coordinatrice del progetto internazionale “S/Murare il Mediterraneo. Pratiche locali, nazionali e transfrontaliere di artivismo transculturale, per una politica e poetica dell’ospitalità e mobilità” (2009-presente. Blog: smuraremediterraneo.wordpress.com). Ha contribuito a introdurre in Italia il pensiero critico su frontiere e migrazioni traducendo nel 2000 Terre di confine/ La Frontera, di Gloria Anzaldúa. Si occupa di poetiche ed epistemologie decoloniali, diasporiche e frontaliere (dal volume di geocritica del 1999 Mappe senza frontiere fino ai saggi sulle pratiche artivistiche e l’elaborazione del concetto di TransMediterrAtlantico (2012, 2014, 2015, 2016).

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788883537257

Anno di pubblicazione

2017

N° pagine

292