Spedizioni gratuite in Italia con Paypal.

Sconto del 15% su tutto il catalogo.

Novità ogni settimana.

Scritti sulla letteratura e sull’arte
  • biblioteca-brecht-scritti-letteratura-arte

Scritti sulla letteratura e sull’arte

24,00 20,40

Animati da una vena ironica e polemica, gli scritti qui raccolti sono tra i più freschi e acuti tra i lavori teorici e critici di Brecht. Come ricorda Cesare Cases nella sua magistrale nota introduttiva, essi sono “spesso superiori agli scritti teatrali, in quanto meno vincolati dalla volontà precisa di fondare nuove forme e di costituire un nuovo organo.

COD: 9788855190459 Categoria:
000

Animati da una vena ironica e polemica, gli scritti qui raccolti sono tra i più freschi e acuti tra i lavori teorici e critici di Brecht. Come ricorda Cesare Cases nella sua magistrale nota introduttiva, essi sono “spesso superiori agli scritti teatrali, in quanto meno vincolati dalla volontà precisa di fondare nuove forme e di costituire un nuovo organo. Diversi per importanza e grado di consapevolezza, i complessi polemici principali sono quelli degli scritti giovanili di ispirazione futurista e della polemica sul realismo. In entrambi, la stessa insofferenza per il compiuto, il classico, il monumentale, per la psicologia e per lo ‘stile associativo’. La seduzione, il golfo mistico della parola in cui il lettore sprofonda come in una poltrona, per Brecht, appartengono irrimediabilmente all’Ottocento”.
Questa raccolta, riproposta con una postfazione di Marco Castellari, è un’opera fondamentale per comprendere e riscoprire il pensiero di un gigante della letteratura.

Bertolt Brecht è tra i maggiori scrittori e intellettuali tedeschi. Le sue opere teoriche, al pari della produzione drammaturgica e poetica, hanno rivoluzionato la concezione della letteratura, del teatro e dell’arte. Tra i suoi capolavori: L’opera da tre soldi (1928), Madre Coraggio e i suoi figli (1939), Vita di Galileo (1938-56).

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788855190459

Anno di pubblicazione

2019

N° pagine

462

Nota introduttiva di

Cesare Cases

Postfazione di

Marco Castellari

Traduzione di

Bianca Zagari