Festività natalizie: gli acquisti online effettuati dal 20 dicembre saranno spediti dal 7 gennaio 2019

Spedizioni gratuite in Italia con Paypal.

Sconto del 15% su tutto il catalogo.

Novità ogni settimana.

Segni sogni suoni
  • biblioteca-meltemi-di-marino-segni-sogni-suoni

Segni sogni suoni

Quarant’anni di videoclip da David Bowie a Lady Gaga

25,00 21,25

Dopo oltre trentacinque anni dalla nascita di MTV – la prima emittente mondiale dedicata alla musica da vedere – il linguaggio del videoclip è totalmente mutato, amplificando sempre di più le interferenze con gli altri media e gli intrecci con il contesto delle arti visive.

COD: 9788883538728 Categoria:
000

Dopo oltre trentacinque anni dalla nascita di MTV – la prima emittente mondiale dedicata alla musica da vedere – il linguaggio del videoclip è totalmente mutato, amplificando sempre di più le interferenze con gli altri media e gli intrecci con il contesto delle arti visive. Nuovi autori, inoltre, si sono affacciati sulla scena internazionale, ottenendo numerosi riconoscimenti. Strutturato in cinque capitoli, il libro – evitando di limitarsi a un’ottica anglocentrica e allargandosi, attraverso numerosi esempi, ai music video di molti altri paesi – esplora l’universo di questa innovativa forma audiovisiva, da un punto di vista storico (partendo dagli antecedenti del videoclip), isolando alcune tematiche, tendenze e categorie (il clip coreografico, quello narrativo e quello sperimentale), e approfondendo l’immaginario di alcuni registi e musicisti in particolare, senza tralasciare, nell’ultimo capitolo, un focus sulla storia della videomusica italiana.

Bruno Di Marino (Salerno 1966). Storico dell’immagine in movimento, dal 1989 si occupa in particolare di sperimentazione audiovisiva. Attualmente insegna Teoria e Metodo dei Mass Media presso l’Accademia di Belle Arti di Frosinone. Ha diretto festival, retrospettive e rassegne, curato numerose mostre e ha al suo attivo una decina di libri. I suoi saggi sono stati pubblicati in Francia, Belgio, Portogallo, Germania, Russia, Giappone, Cina, Regno Unito, Stati Uniti e Ungheria. Tra le sue recenti pubblicazioni ricordiamo: Pose in movimento. Fotografia e cinema, Torino 2009; Hard Media. La pornografia nel cinema, nelle arti visive e nel web, Milano 2013; Il segno mobile. Graphic design e comunicazione audiovisiva, Milano 2016; Oltre i bordi dello schermo. Conversazioni con i maestri della sperimentazione audiovisiva, Roma 2016.

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788883538728

Anno di pubblicazione

2018

N° pagine

508

f.div – Corriere della Sera (ediz. Torino), 9 novembre 2018
“David Bowie, Queen, Lady Gaga, 40 anni di musica da guardare”
Leggi la recensione

Catia Donini – Business People, novembre 2018
“In principio fu il videoclip”
Leggi la recensione

Alessandro Fiori Spano – switch-magazine.net, 2 novembre 2018
“Segni sogni suoni”
Leggi la recensione

Laura Pescatori – rebelgirl.radiondadurto, 30 settembre 2018
“Segni, sogni, suoni – Quarant’anni di videoclip da David Bowie a Lady Gaga”
Ascolta la puntata

Valentina Silvestri – artribune.com, 27 settembre 2018
“Fronteggiare il disastro (anche) con la critica d’arte: a Firenze torna Scripta Festival”
Leggi l’articolo

Elena Del Drago – A3-Il formato dell’arte (RadioTre), 8 settembre 2018
“A3. Il formato dell’arte”
Ascolta l’intervista

Arte, settembre 2018
“Storia del videoclip e di come Warhol lo fece suo”
Leggi la recensione

Francesca Cogoni – Radio Svizzera Italiana, 16 agosto 2018
“Quarant’anni di videoclip”
Leggi la recensione

globalist.it, 13 agosto 2018
“L’arte del videoclip”
Leggi la recensione

Vincenzo Trione – La Lettura, 5 agosto 2018
“I videoclip sono la videoarte per tutti”
Leggi la recensione

Gabriele Ottaviani – convenzionali.wordpress.com, 23 luglio 2018
“Segni sogni suoni”
Leggi la recensione

Bruno Di Marino – Alias, 14 luglio 2018
“Le mutazioni del videoclip”
Leggi la recensione

Alessio Brunialti – La Provincia, 14 luglio 2018
“Sette giorni di musica da leggere”
Leggi la recensione

Bruno Di Marino – artribune.it, 1 luglio 2018
“In principio era Warhol: il videoclip tra le arti visive”
Leggi l’estratto