Spedizioni gratuite in Italia con Paypal.

Sconto del 15% su tutto il catalogo.

Novità ogni settimana.

Plexus

Filters

Visualizzando tutti i 3 prodotti

Visualizza 12/24/Tutto

Please add widgets to the WooCommerce Filters widget area in Appearance > Widgets

3 products

PLEXUS
Archeologie, archivi e storie dei media

DIRETTORE / BOOK SERIES COORDINATOR
Simone Venturini

COMITATO DIRETTIVO / EDITORIAL BOARD
Diego Cavallotti, Simone Dotto, Andrea Mariani

COMITATO SCIENTIFICO / SCIENTIFIC COMMITTEE
Édouard Arnoldy, Michele Canosa, Maria Luisa Catoni, Ruggero Eugeni, Oliver Fahle, Giovanna Fossati, Trond Lundemo, Pietro Montani, Federico Neresini, Peppino Ortoleva, Leonardo Quaresima, Cosetta Saba, Bernard Stiegler, Wanda Strauven, Benoît Turquety, Pasi Väliaho.

SEDE
Università degli Studi di Udine – Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale

Plexus riguarda la complessità e l’estensione storica della nozione di “medium”, attraverso concetti e polarità chiave che contribuiscono a svolgerne le pieghe: archeologie e genealogie; archivi e ambienti; storie e immaginari. Ciascuno di questi insiemi e sistemi delinea un piano che, sovrapposto o embricato con gli altri, permette di visualizzare complessi emergenti di ordine superiore e al contempo si presenta come uno strato, una faglia da scavare e indagare con rigore e in profondità. Una visione “intrecciata” e “stratificata” che consente di conciliare più prospettive e strategie, utili a recuperare indagini accantonate, a riavvolgere fi li, a interrogare ascendenze e derivare affinità, e di procedere verso innovativi oggetti di interesse teorico-metodologico e storiografi co. Ogni titolo della collana rimanda quindi a una combinazione di ispirazioni di fondo provenienti dall’archeologia e dalla teoria dei media, dalla filosofia, dall’antropologia, dall’estetica e dalla sociologia della tecnica, dalle riflessioni di ordine teorico e storico-filologico sulle pratiche d’archivio, dalla storia tecnologica, culturale ed economica dei media. Plexus vuole essere uno spazio accogliente, un laboratorio di idee, uno strumento di mediazioni e di assemblaggi inediti (dunque monografie, ma anche traduzioni, collezioni antologiche), un terreno di incontro e coltura condiviso, capace di valorizzare oggetti e tropi di ricerca in uno spirito autenticamente interdisciplinare: uno spirito di cui il comitato scientifico è riflesso diretto.