Fino a esaurimento, ogni due libri una shopper in regalo
Fino a esaurimento, ogni due libri una shopper in regalo
Stranieri
  • COVER-linee-rauty-stranieri

Stranieri

Società, scienze sociali e restrizioni migratorie negli Stati Uniti

18,00 17,10

Il volume analizza il lungo processo culturale, sociale e politico – attivo dal 1882 al 1924 e ritradotto in atti legislativi – che vide l’imposizione di progressivi veti all’ingresso degli immigrati nel territorio americano. Tale processo si servì dello stereotipo dell’immigrato – nella cui figura venne identificato il pericolo sociale della povertà, della marginalità, dell’analfabetismo, della debolezza mentale, della solitudine, della diversità religiosa e dell’aggressività – per fomentare il timore della sostituzione del ceppo statunitense originario da parte di altre “razze”. Agli americani venne insomma prospettato un futuro sempre più incerto, in cui le masse di stranieri che si stavano diffondendo nella realtà statunitense avrebbero “annacquato” il loro sangue puro.

COD: 9791256150199 Categoria:
000

Il volume analizza il lungo processo culturale, sociale e politico – attivo dal 1882 al 1924 e ritradotto in atti legislativi – che vide l’imposizione di progressivi veti all’ingresso degli immigrati nel territorio americano. Tale processo si servì dello stereotipo dell’immigrato – nella cui figura venne identificato il pericolo sociale della povertà, della marginalità, dell’analfabetismo, della debolezza mentale, della solitudine, della diversità religiosa e dell’aggressività – per fomentare il timore della sostituzione del ceppo statunitense originario da parte di altre “razze”. Agli americani venne insomma prospettato un futuro sempre più incerto, in cui le masse di stranieri che si stavano diffondendo nella realtà statunitense avrebbero “annacquato” il loro sangue puro.
Le scienze sociali democratiche furono pronte a contribuire, in modo esplicito e implicito, a questa campagna di odio e respingimento tesa a costruire e consolidare disuguaglianze e pericoli sociali contro uomini e donne attratti nel Nuovo Mondo anzitutto dalla voglia di lavoro. L’autore ripercorre la storia di quegli anni, convinto che la loro memoria sia di vitale importanza per la società contemporanea, in cui è tornata in auge la medesima retorica fondata sulla discriminazione e sulla paura.

Raffaele Rauty è stato professore ordinario di Storia del pensiero sociologico all’Università degli Studi di Perugia e di Salerno. Vincitore di un Fulbright Grant, è esperto della sociologia statunitense e in particolare di quella del XX secolo. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: Quando c’erano gli intellettuali (2015); Il tempo di Jane Addams (2017); Una presenza dimenticata (con G. Cersosimo, 2023). Inoltre, ha curato Interazionismo simbolico (2008) di H. Blumer e Negri per sempre (2008) di W.E.B. Du Bois.

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9791256150199

Anno di pubblicazione

2024

N° pagine

200