Fino a esaurimento, ogni due libri una shopper in regalo
Fino a esaurimento, ogni due libri una shopper in regalo
Zona critica
  • COVER-atlantide-pacini-zona-critica-1

Zona critica

Esercizi di futuro tra ecologia e tecnologia

15,00 14,25

Dopo il successo di Pensare la fine, Marco Pacini torna sull’eco-problema del nostro tempo offrendoci gli strumenti per elaborare una filosofia dell’Antropocene a partire dall’idea scientifica di Zona critica: la sottile pelle vivente della Terra che si estende dalla sommità della copertura vegetale al fondo della falda acquifera.

COD: 9788855199605 Categoria:
000

Dopo il successo di Pensare la fine, Marco Pacini torna sull’eco-problema del nostro tempo offrendoci gli strumenti per elaborare una filosofia dell’Antropocene a partire dall’idea scientifica di Zona critica: la sottile pelle vivente della Terra che si estende dalla sommità della copertura vegetale al fondo della falda acquifera.
In queste pagine l’autore ci invita a interpretare ed estendere quest’idea oltre i confini delle “scienze dure” per approdare al campo delle scienze sociali. La Zona critica diventa così un concetto che mette a fuoco le interdipendenze non solo fra tutti i soggetti naturali, ma anche tra fenomeni e processi sociali, economici, politici: un teatro dell’interscambio, della complessità, della simbiosi, delle catastrofi e dell’equilibrio, ma soprattutto delle metamorfosi.
Zona critica ci aiuta a elaborare un’ontologia del presente capace di farsi carico di tutte le conseguenze dell’attività di Homo Sapiens sulla Terra e di tutte le sue (inter)connessioni. Pertanto, l’impatto di ogni politica, di ogni teoria o prassi, non può più venire analizzato soltanto in riferimento alle dinamiche sociali, umane, ma anche alla luce delle azioni-reazioni di tutti gli altri coinquilini nella Zona critica.
Completa il volume un’accurata analisi e decostruzione di molti “paradossi tech” del nostro tempo e dei curiosi intrecci tra ecologia e tecnologia, che in modo sempre più evidente costituiscono la trama del mondo.

Marco Pacini è stato caporedattore de “L’Espresso” fino al 2020, dopo una lunga esperienza giornalistica. Nel 2005 ha ideato il progetto “vicino/lontano”, che ha dato vita all’omonimo festival e al Premio Terzani. Ha diretto una collana di saggi per Forum Editrice Universitaria Udinese e ha già pubblicato Epocalisse (2018) e Pensare la fine (2022). Attualmente fa parte della redazione della rivista filosofica “aut aut”.

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788855199605

Anno di pubblicazione

2024

N° pagine

168

Il Piccolo, 22 luglio 2024
“Pacini a Lettere Mediterranee”
Leggi la recensione

Raffaele Simone – Domani, 30 maggio 2024
“Gli effetti di una modernità guasta”
Leggi la recensione

Fahrenheit – Rai Radio 3, 17 maggio 2024
“dal min. 0:40:00 Marco Pacini”
Ascolta la puntata

Redazione – Ansa, 16 maggio 2024
“La pericolosissima Zona critica, cambiare per vivere”
Leggi la recensione

Roberto Di Caro – Equilibri Magazine, 17 maggio 2024
“Zona critica”
Leggi la recensione

Diletta Coppi – Charta Sporca, 2 maggio 2024
“La Zona critica e la necessità di una ‘resistenza analogica’”
Leggi la recensione

Mario Soldaini – il manifesto, 2 aprile 2024
“Esercizi di futuro e praticabilità delle esistenze”
Leggi la recensione

Sabina Minardi – L’Espresso, 29 marzo 2024
“Benedetti i pessimisti”
Leggi la recensione

Internazionale, 22 marzo 2024
“Ricevuti”
Leggi la recensione

Marco Pacini – Il Tascabile, 8 marzo 2024
“La pellicola della vita”
Leggi l’estratto

Danilo Zagaria – la Lettura, 25 febbraio 2024
“Una resistenza analogica, forse”
Leggi la recensione

Davide Re – Avvenire, 22 febbraio 2024
“Come salvare il pianeta Terra dalla tecnologia”
Leggi la recensione

Mario Brandolin – Messaggero Veneto, 15 febbraio 2024
“Un pianeta che si trova in zona critica”
Leggi la recensione

Messaggero Veneto, 15 febbraio 2024
“La Zona critica”
Leggi la recensione

Il Gazzettino ed. Friuli, 12 febbraio 2024
“Pacini analizza la zona critica tra ecologia e rapporti umani”
Leggi la recensione

Pier Aldo Rovatti – Il Piccolo, 9 febbraio 2024
“La zona grigia in cui viviamo da prigionieri”
Leggi la recensione