Spedizioni gratuite in Italia con Paypal.

Sconto del 15% su tutto il catalogo.

Novità ogni settimana.

Ambienti mediali
  • plexus-montani-amienti-mediali

Ambienti mediali

24,00 20,40

La rivoluzione digitale ha modificato in modo molto profondo l’habitat dell’essere umano trasformandolo sempre più capillarmente in un intreccio di ambienti nei quali è la presenza di uno o più media a impostare, e spesso a programmare, le forme di interattività che di volta in volta vi si dispiegano.

COD: 9788883537530 Categoria:
000

La rivoluzione digitale ha modificato in modo molto profondo l’habitat dell’essere umano trasformandolo sempre più capillarmente in un intreccio di ambienti nei quali è la presenza di uno o più media a impostare, e spesso a programmare, le forme di interattività che di volta in volta vi si dispiegano.
In questo libro un nutrito gruppo di studiosi di fama internazionale e di giovani ricercatori sottopone la nozione di ambiente mediale a un’analisi multipla, mobilitando nell’ambito di un disegno teorico unitario una serie di competenze specialistiche che vanno dalla linguistica alla filosofia della mente, dalla teoria dei media all’estetica.

Pietro Montani, filosofo, è Professore Onorario della “Sapienza”, dove ha insegnato Estetica per molti anni. Il suo principale campo di ricerca è attualmente costituito dall’influenza delle nuove tecnologie sulla sensibilità e sui processi cognitivi e immaginativi. Tra i suoi ultimi libri: Bioestetica. Senso comune, tecnica e arte nell’età delle globalizzazione (2007), L’immaginazione intermediale (2010), Tecnologie della sensibilità (2014), Tre forme di creatività: tecnica, arte, politica (2017).

Dario Cecchi insegna Estetica presso l’Università “La Sapienza” di Roma e Immagine contemporanea presso l’Università della Calabria. Tra i suoi volumi ricordiamo: Immagini mancanti. L’estetica del documentario nell’epoca dell’intermedialità (2016), Il continuo e il discreto. Estetica e filosofia dell’esperienza in John Dewey (2014), La costituzione tecnica dell’umano (2013) e Abbas Kiarostami. Immaginare la vita (2013).

Martino Feyles insegna Estetica alla Pontificia Università Lateranense e si è occupato in particolare di problemi e autori dell’estetica contemporanea, della fenomenologia, della decostruzione. Ha curato il volume collettivo Memoria, immaginazione e tecnica (2010) e ha pubblicato tre monografie: Studi per la fenomenologia della memoria (2012), Ipomnesi. La memoria e l’archivio (2013), Margini dell’estetica (2016).

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788883537530

Anno di pubblicazione

2018

N° pagine

320

A cura di

Dario Cecchi, Martino Feyles, Pietro Montani