Spedizioni gratuite in Italia con Paypal.

Sconto del 15% su tutto il catalogo.

Novità ogni settimana.

Iconologie del tatuaggio
Vedi il carrello “Parole chiave su linguaggio e cultura” è stato aggiunto al tuo carrello.
  • biblioteca-marrone-iconologie-tatuaggio-1

Iconologie del tatuaggio

Scritture del corpo e oscillazioni identitarie

24,00 20,40

Lo dimostrano le mummie egizie: gli esseri umani si tatuano da almeno cinquemila anni. Una pratica simbolica che ha oggi una diffusione planetaria, con un portatore di tatuaggio su dieci in Europa, Italia compresa. Ma qual è il senso e il valore, per chi si tatua, dell’iscrizione indelebile di figure e lettere sulla superficie sensibile della pelle?

COD: 9788883539404 Categoria:
000

Lo dimostrano le mummie egizie: gli esseri umani si tatuano da almeno cinquemila anni. Una pratica simbolica che ha oggi una diffusione planetaria, con un portatore di tatuaggio su dieci in Europa, Italia compresa. Ma qual è il senso e il valore, per chi si tatua, dell’iscrizione indelebile di figure e lettere sulla superficie sensibile della pelle? E che cosa comunicano i segni tegumentari? Questo libro offre le prime descrizioni semiotiche del tatuaggio. Indaga il doppio effetto degli inchiostri nell’epidermide: le relazioni esterne fra corpi e icone (pitture, ferite, perforazioni, scarificazioni…) e le percezioni interne, ipodermiche, che mettono alla prova e controllano il proprio sentire. Analisi di tatuaggi con motivi, stili e generi particolari, e di discorsi e racconti fotografi ci, fi lmici, televisivi, artistici e commerciali sul tatuaggio svelano l’emergere del carattere sul corpo, nella reversibilità e nelle oscillazioni fra il come ci si vuol dare a vedere e il come si è.

Gianfranco Marrone, saggista e scrittore, lavora sui linguaggi e i discorsi della contemporaneità. È professore ordinario di Semiotica all’Università di Palermo. Tra i suoi ultimi scritti: Addio alla Natura (2011), Introduzione alla semiotica del testo (2011), Stupidità (2012), Figure di città (2013), Gastromania (2014), Semiotica del gusto (2016), Prima lezione di semiotica (2018).

Tiziana Migliore insegna Semiotica all’Università di Roma Tor Vergata e Tecniche espressive ed educazione all’immagine alla LUMSA di Palermo. Segretario scientifico del CiSS, Centro internazionale di Scienze Semiotiche “Umberto Eco”, e vicepresidente dell’Associazione Internazionale di Semiotica Visiva (AISV-IASV), ha pubblicato le monografie: Miroglifici (2011), Biennale di Venezia. “Il catalogo è questo” (2012) e I sensi del visibile (2018).

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788883539404

Anno di pubblicazione

2018

N° pagine

322

A cura di

Gianfranco Marrone, Tiziana Migliore

Roberto Roveda – unionesarda.it, 17 febbraio 2019
“Il tatuaggio…non solo moda”
Leggi la recensione

Simone Ghiaroni – doppiozero.it, 4 febbraio 2019
“Stupido è chi non si disegna”
Leggi la recensione