Festività natalizie: gli acquisti online effettuati dal 19 dicembre saranno spediti dal 7 gennaio 2019

Spedizioni gratuite in Italia con Paypal.

Sconto del 15% su tutto il catalogo.

Novità ogni settimana.

Nella terra di mezzo
  • linee-meltemi-vanoli-terra-mezzo

Nella terra di mezzo

Cinema e immigrazione in Italia 1990-2010

24,00 20,40

Tre diverse generazioni di registi si confrontano, tra il 1990 e il 2010, con un tema fino ad allora privo di modelli narrativi di riferimento, ma sentito come adatto a riallacciare i fili della migliore tradizione cinematografica italiana.

COD: 9788883538582 Categoria:
000

Tre diverse generazioni di registi si confrontano, tra il 1990 e il 2010, con un tema fino ad allora privo di modelli narrativi di riferimento, ma sentito come adatto a riallacciare i fili della migliore tradizione cinematografica italiana. Ne deriva una rappresentazione del fenomeno migratorio condizionata da fattori biografici oltre che culturali, attraverso la quale è possibile individuare alcuni elementi determinanti nell’evoluzione della società e del cinema stesso.
Dallo specchio del confronto con l’“altro” straniero emerge un ritratto di quel particolare ventennio, che coincide con la trasformazione del paese da terra di emigranti a meta d’immigrazione, oltre che con il cambiamento radicale dei sistemi di produzione, trasmissione e fruizione della cosiddetta cultura di massa.

Giancarla Vanoli è stata lettore di Italiano presso l’Università di Oxford, dove ha conseguito un dottorato in Italian Studies. In precedenza, ha insegnato a lungo latino e greco in un liceo di Milano e successivamente è stata lettore presso l’Università delle Filippine, svolgendo anche funzioni di addetto culturale dell’Ambasciata d’Italia a Manila.

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788883538582

Anno di pubblicazione

2018

N° pagine

330

Gabriele Ottaviani – convenzionali.wordpress.it, 4 ottobre 2018
“Nella terra di mezzo”
Leggi la recensione

Gioacchino Toni – lavoroculturale.org, 20 settembre 2018
“Verso il doppio sguardo”
Leggi la recensione